Blog di prova

In attesa di un nome decente

Archivi Categorie: internet

Test di velocità parte 2

Ueth.pngltimamente ho realizzato altri cavi ethernet in presenza di PC e router nettamente più performanti di quelli del precedente articolo, e dopo aver visto i risultati di iperf ho deciso di pubblicare un aggiornamento

Nell’altro post riguardante il test di velocità della LAN, la velocità maggiore che ho registrato era di circa 400 Mbps nel collegamento diretto tra 2 pc,ma evidentemente non tutti i pc della mia lan riescono a gestire una connessione Gigabit Ethernet, tant’è che dove ho messo 3 cavi lunghi mediamente 10 metri ciascuno e ho utilizzato pc e router molto più recenti tutti i test mi hanno dato una velocità media di 950 Mbps utilizzando sempre lo stesso cavo (cat 5e) e con il router di mezzo, che nel primo caso mi aveva fatto da collo di bottiglia abbassando la velocità a 80 mega

Prossimamente ripeterò i test,ma per avere la LAN a 1Gbps devo cambiare router e forse anche qualche scheda di rete

Tenete presente che parlo sempre di velocità all’interno di una rete locale e non di download/upload da Internet, quindi i benefici di una velocità più alta la noterete se fate trasferimenti di file da un pc all’altro o streaming all’interno della rete locale (tipo quelli di ps4 e xbox verso i pc) e che una normale adsl va benissimo all’interno di una LAN a 100 Mbps

 

Annunci

Tuning ADSL

Se avete un router netgear e avete problemi con l’adsl,come bassa velocità o disconnessioni frequenti, questa piccola guida fa al caso vostro,nella guida do per scontato che l’indirizzo ip del router sia 192.168.0.1 , se non è cosi modificate gli url di questo post:

  1. Abilitiamo il debug andando su http://192.168.0.1/setup.cgi?todo=debug , inserite i dati di login,se l’operazione è andata a buon fine nel browser vedrete la scritta Debug Enable!
  2. Collegatevi via telnet al vostro router,se non sapete cos’è telnet o se c’è l’avete andata è in arrivo un altro post
  3. Ora andiamo a modificare l’snr a seconda del nostro problema,abbiamo velocità contro stabilità, per esempio io non ho problemi di velocità ma ogni tanto mi si disconnette,quindi alzo l’snr per avere più stabilità quindi digito  xdslctl configure –snr 150 che alza l’snr di 3db,che significa meno velocità ma più stabilità.Se invece non avete problemi di disconnessioni e volete più velocità il comando opposto,che abbassa l’snr di 3db è xdslctl configure –snr 50 , questi sono i comandi per fare le minori modifiche possibili

 

Ora il router si riconnette con valori di snr e velocità differenti a seconda del comando che avete dato, la modalità debug,l’accesso via telnet e le modifiche all’snr non sono permanenti,rimangono finchè il router non viene riavviato

Un altro comando utile è adslctl info –show che fornisce tante informazioni sullo stato della vostra connessione ADSL

 

Guida testata personalmente con un Netgear DGN2200v3

Come interpretare i valori dell’ADSL

Per vari motivi può essere utile conoscere lo stato di salute della propria linea telefonica,principalmente perchè dalla qualità della linea,e dalla distanza dalla centrale,dipende la velocità e l’affidabilità della propria adsl,per farlo occorre accedere all’interfaccia web del proprio router e guardare 2 valori,l’snr e l’attenuazione,oltre a a questi dovreste sapere che versione di adsl avete,per quest’informazione basta sapere la velocità prevista dal contratto

SNR su ADSL “classica”: fino a 8 Mbps in download
fino a 6 dB: segnale assente/intermittente
7 – 10 dB: pessima qualità, difficile avere una connessione stabile
11 – 15 dB: segnale sul livello di soglia, controllare impianto telefonico e filtri
16 – 20 dB: segnale pulito, nessuna anomalia
20 – 28 dB: segnale ottimo
oltre 28 dB: eccellente, siete molto vicini alla centrale

SNR su ADSL2+ (fino a 24 Mbps in download)
fino a 4 db: segnale assente o intermittente
5 – 7 dB: valore nella norma
8 – 11 dB: valore molto buono
12 – 14 dB: segnale ottimo
oltre 15 dB: segnale eccellente, siete molto vicini alla centrale

Attenuazione su ADSL “classica”: fino a 8 Mbps in download
fino a 20 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio
20 – 30 dB: eccellente
30 – 40 dB: molto buono
40 – 50 dB: buono/discreto
50 – 60 dB: appena sufficiente, si possono verificare disconnessioni
oltre 60 dB: pessimo, disconnessioni frequenti.

Attenuazione su ADSL2+ (fino a 24 Mbps in download)
fino a 10 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio
20 – 30 dB: buono
30 – 40 dB: discreto
40 – 55 dB: scarso
oltre 55 dB: pessimo, disconnessioni frequenti.

Importare il file .pcf di una VPN su Mac


Se dovete collegarvi a una vpn cisco di cui avete il file pcf ma non avete il client o volete utilizzare il client integrato nel sistema operativo ecco una rapida guida per passare i dati del file pcf nella configurazione di mac os

  1. Se avete il file pcf la vpn sarà sicuramente di tipo Cisco IPSec
  2. Per l’ip del server aprite un file pcf e copiate l’indirizzo del campo host
  3. Nome utente e password non sono contenuti nel file,la password potrebbe chiederla una seconda volta appena tentate di collegarvi
  4. Passate al campo autenticazione,il segreto condiviso è un po’ più complesso da inserire, prendete dal file il campo enc_GroupPwd , incollatelo qui, cliccate su decode e copiate il testo dopo clear: e incollatelo su segreto condiviso
  5. Il nome del gruppo lo prendete dal campo GroupName del file
  6. Fine

 

Creare una Nintendo Zone a casa

E’ disponibile sull’eshop l’album virtuale dei giochi olimpici e se ogni giorno visitate una nintendo zone riceverete 5 carte,se non avete la possibilità di recarvi in uno di questi hotspot basta rimuovere le protezioni della vostra rete wifi e cambiare l’SSID in free-hotspot.com
Così facendo il vostro 3ds crederà di essere in una nintendo zone e potrete scaricare le carte o accedere a dei contenuti disponibili esclusivamente tramite questo metodo

In futuro potrebbero distribuire altri contenuti con questo metodo quindi meglio ricordarsi di questo trucchetto

Soluzione al bug del mac address nel Netgear DGN2000

Per risolvere questo problema (che impedisce di memorizzare mac address che non iniziano per 00) occorre:

  1. Salvare la configurazione su un file
  2. Modificare i mac address nel file di configurazione tramite un editor di testo
  3. Caricare la configurazione

Devo verificare se posso copiare una configurazione da un modello a un altro in modo da non dover digitare a mano tutti gli indirizzi